La partenza, 1840 c.a

Stampa: Akasaka. La partenza, 1840 c.a
AUTORE: KEISAI EISEN (1791 – 1848)
Nishiki-e:
 Xilografia a colori firmata “Keisai Eisen ga”
Serie: Belle donne delle 53 stazioni della Tokaido
Formato: oban yoko-e (mm.368×250)
Edizione: Periodo Showa (1970 c.a)
Descrizione: Bellissima prova con colori brillanti. Tiratura su carta del Giappone (washi) databile nel periodo Showa (seconda metà XX secolo). Conservazione perfetta, con piccolo margine tutt’intorno.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Richiedi questo articolo
Inserisci il tuo nome
Inserisci il tuo cognome
Insert mail
Inserisci messaggio

Informazioni aggiuntive

.

La rappresentazione delle bellezze femminili appartiene alla tradizione del genere Ukiyo-e e risponde al pensiero giapponese del tardo periodo Edo, ovvero a quel clima di rilettura culturale di antichi principi filosofici che portò l'Ottocento nipponico a reinterpretare i fondamenti filosofici buddhisti del Mondo fluttuante. Durante il periodo Edo, anche nel romanzo popolare si poteva descrivere minuziosamente una veste, ma difficilmente ci si soffermava sulla peculiarità dei lineamenti: frasi come “domestica di estrema bellezza” o “uomo dai colori splendidi”, possono in un certo senso esemplificare l'attitudine a non focalizzare l'attenzione sui tratti somatici, piuttosto a leggere la bellezza in una visione armonica di insieme, rinforzata da accenni a dettagli solo apparentemente marginali. Tale tendenza si coglie prevalentemente nelle rappresentazioni degli esseri umani, quindi nei due generi principali dei ritratti di attori del kabuki e di beltà femminili.