Giardino dei susini a Kamada,Utagawa Hiroshige,1857

Utagawa Hiroshige (1797-1858)
Titolo opera:
Giardino dei susini a Kamada,
Kamada no umezon, Febbraio 1857

Serie: 
Cento famose vedute di Edo, Meisho Edo hyakkei ,(1856-1858)
Nishiki-e 
Silografia a colori
Formato:
Oban (mm. 395 X 264 c.a.)
Stampatore:  Oedo Mokuhansha, che si è firmato nella parte anteriore in basso a sinistra.
Edizione:
Periodo Showa (1960 c.a.)
Stupenda stampa con ottimi colori e dettagli eccellenti.  Impressa su carta del Giappone, databile nel periodo Showa (seconda metà del XX secolo). In perfetto stato di conservazione. Con buoni margini tutt’intorno oltre la linea marginale.

Richiedi questo articolo
  • Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.
Inserisci il tuo nome
Inserisci il tuo cognome
Insert mail
Inserisci messaggio
Si prega di accettare la casella di controllo della privacy.

Descrizione

Cento famose viste di Edo (1856-1858)

Hiroshige è stato uno dei più grandi artisti della tradizione dell’ukiyo-e. Il termine ukiyo-e, che letteralmente significa “immagini del mondo fluttuante”, si riferisce alla celebre tradizione della stampa artistica giapponese con blocchi di legno, fiorita tra XVII – XIX secolo, che nel mondo occidentale è ormai divenuta emblematica dell’iconografia del Giappone stesso. Per molti versi immagini edonistiche, le scene ukiyo-e spesso rappresentavano le luci scintillanti e le attrazioni di Edo (oggi Tokio): belle donne, attori e lottatori di sumo, scorci di vita cittadina e paesaggi spettacolari. Sebbene abbia ritratto una varietà di soggetti, il grande talento di Hiroshige si è espresso al meglio nei paesaggi, in particolare in una serie tarda realizzata con grande maestria e nota come “Cento famose vedute di Edo”(1856-1858), che rappresentavano la città attraverso le stagioni, dalle trafficate strade commerciali agli splendidi fiori di ciliegi.

Hiroshige iniziò a progettare quella che sarebbe stata la sua ultima grande serie e un capolavoro, “Cento visioni famose di Edo”. La serie contiene 118 blocchi di legno di formato verticale dei classici paesaggi di Hiroshige. Dai fiori primaverili di ciliegio ai fuochi d’artificio estivi, dalle scene tranquille lungo il fiume alle vivaci celebrazioni del festival, Hiroshige cattura la vita nel vecchio Edo in modi drammatici e interessanti. Hiroshige impiegò una tecnica compositiva inventiva in molte delle stampe, usando grandi elementi in primo piano per inquadrare una vista distante sullo sfondo, come l’immagine del Tempio Kinryuzan visto attraverso la famosa Porta del Tuono.

Splendidamente stampato con belle sfumature di bokashi, “One Hundred Famous Views of Edo” mantiene la sua popolarità oggi come uno dei grandi capolavori di Hiroshige.

Giardino dei susini a Kamada

In quest’opera, Hiroshige ha scelto un punto di osservazione: la portantina vuota in primo piano che invita lo spettatore a entrare direttamente nell’immagine. Un viaggiatore ha gettato con noncuranza la sopravveste di colore verde sul tettuccio; sceso dalla lettiga, si è mescolato agli ammiratori dei moltissimi susini in fiore.

Hiroshige riprende le tonalità dei fiori, che vanno dal bianco al rosso, nel cromatismo del cielo. Il rosso magistramente sfumato, che occupa più di metà della stampa, funge da cornice nella parte alta del dipinto mentre il verde del suolo corre lungo il bordo inferiore.

Camille Pissaro(1830-1903) nel 1893 scrisse in una lettera: “Hiroshige è un impressionista straordinario”.