Utagawa Hiroshige, Lago di Inokashira, Veduta del santuario di Benzaiten con la neve, 1844-48

430,00

Utagawa Hiroshige, 1797–1858
Titolo:
 Lago di Inokashira, Veduta del santuario di Benzaiten con la neve, Benzaiten no yashiro yuki no key,1844-48
Nishiki-e Silografia a colori,
firmata in lastra Hiroshige ga
Serie: Luoghi famosi di neve, luna e fiori, Meisho setsugekka, 1844-48
Formato: Oban yoko-e (mm.380 x 250)
Editore: Yuyudo (Presente sul verso il timbro dell’editore)
Edizione: Showa 1950 c.a.
Superba prova con ottimi colori brillanti e dettagli eccellenti, mai stata esposta alla luce. Impressa su carta del Giappone washi. In perfetto stato di conservazione con belle e raffinate sfumature morbide di bokashi. Con buon margine tutt’intorno oltre la linea marginale.

 

Richiedi questo articolo
  • Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.
Inserisci il tuo nome
Inserisci il tuo cognome
Insert mail
Inserisci messaggio
Si prega di accettare la casella di controllo della privacy.

Descrizione

Editore Yuyudo

All’inizio del XX secolo, la casa editrice Yuyudo si era già distinta come uno dei migliori stampatori in Giappone, aderendo agli stessi rigorosi standard degli editori del XIX secolo. Negli anni ’50, quando l’interesse per le xilografie dell’era Edo stava riaccendendosi, Yuyudo si imbarcò in un progetto per produrre ristampe dei grandi maestri dell’età dell’oro di Ukiyo-e.

Cosi nasce questa bellissima edizione di ristampa della serie Luoghi famosi di neve, luna e fiori, Meisho setsugekka, del 1844-48.  Nel tentativo di far rivivere e preservare l’arte tradizionale delle stampe giapponesi, hanno assunto i più abili artigiani e hanno usato carta e pigmenti vegetali fatti a mano.  Le stampe risultanti sono riproduzioni di altissima qualità mai realizzate. Le stampe Yuyudo sono eccezionalmente ben fatte e stampate molto finemente. Ognuna porta un timbro del Editore Yuyudo sul retro.

Descrizione:

Il laghetto di Inokashira si trovava fuori da Edo, all’incirca tra Musashino e Koganei, con un isolotto collegato alla riva da un ponte dal quale raggiungere direttamente il santuario dedicato alla dèa Benzaiten (o Benten).

In questa stampa c’è una perfetta sintonia tra uomo e natura che aumenta dal progredire della visione del primo piano in poi. Il centro della stampa è dominato dal biancore della strada e del ponte coperto di neve, che risaltano sull’azzurro del laghetto. Al centro si stacca una figura col mantello battuto dal vento, simile per impostazione grafica a quella, celeberrima, dell’uomo sul pontile in Yokkaichi, nelle Cinquantatrè stazioni di posta di Tokaido.

Questa figura, col cappello coperto di neve, avanza verso l’osservatore e, anche se il suo bianco e il suo azzurro si confondono con quelli della neve e dell’acqua, mantiene una propria identità. In questa figura, fra l’altro, si ritrova molto dei tratti dell’iconografia di certi manga odierni. La seconda figura, che, ascendendo la scala del santuario, si è tolta il cappello, appare più integrata sia con l’edificio sia con l’ambiente. La terza è quasi difficile da individuare di primo acchito. Indossa un cappello e un mantello di paglia coperti di neve e sta immota a sinistro del santuario, leggermente ripiegata su sé. Pare essa stessa un cespuglio, ma è un uomo che sta contemplando l’incanto che gli sta intorno o forse ascoltando il suono della neve che cade, o forse soltanto se stesso, soltanto.

Note:

Hokusai e Hiroshige sono due grandi maestri riconosciuti per la loro capacità di evocare la pioggia, la neve, la nebbia e i paesaggi notturni rischiarati dalla luna. A incrementare il fascino delle loro vedute è la sensazione che le immagini non si limitino a documentare un fatto in un particolare momento, ma piuttosto rievochino un luogo della memoria. Entrambi gli artisti propongono le vedute innevate da molteplici punti di vista, e i molti scorci paesistici sono posti in stretta correlazione con i disagi subiti dai lavoratori o con la quieta serenità dei viaggiatori immersi nei paesaggi innevati. Tuttavia, ciò che accomuna le loro opere è un senso di desolazione nel quale la silente bellezza della natura si impone sui soggetti che sono, come nella vita, di passaggio. Utagawa Hiroshige, 1797–1858 – Lago di Inokashira, Veduta del santuario di Benzaiten con la neve, Benzaiten no yashiro yuki no key,1844-1848.