Yosai Nobukazu, Generali in battaglia, Sakuma Morimasa e Hashiba Hideyoshi, 1883

1.360,00 1.000,00

Yosai Nobukazu (1872-1944)
Sakuma Morimasa e Hashiba Hideyoshi, 1883
Nishiki-e  Silografia a colori firmata in lastra Yō sai Nobukazu hitsu
Formato : oban tata-e (mm.232 x 260 c.a.)
Edizione: Periodo giapponese Meiji (1883 c.a.)

Bellissimo trittico originale a colori, composto da tre pannelli separati, impresso su carta del Giappone databile nella seconda metà del XIX secolo.  In ottimo stato di conservazione con bellissimi dettagli impreziositi con brunitura sopra l’armatura e ombreggiatura “bokashi” sullo sfondo. In ottimo stato di conservazione.

 

Richiedi questo articolo
  • Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da questo sito web.
Inserisci il tuo nome
Inserisci il tuo cognome
Insert mail
Inserisci messaggio
Si prega di accettare la casella di controllo della privacy.

Descrizione

Descrizione:

Grande scena durante la battaglia di Shizugatake del 1583.

L’immagine raffigura il generale Sakuma Morimasa che affronta sul campo di battaglia Hashiba Hideyoshi (il futuro Toyotomi Hideyoshi). Il cavallo di Morimasa scalpita nell’aria, mentre il generale abbassa la testa con uno sguardo di sfida, impugnando saldamente una lancia di ferro con entrambe le mani.  A destra il generale Hideyoshi aspetta con calma in sella al suo cavallo. Due guardie al suo fianco sono pronte a balzare in avanti con le loro spade. Hideyoshi indossa un’armatura raffinata e un elmetto da battaglia sormontato da un drago. Afferra con la mano un bastone di comando.

Le figure sono molto espressive circondate da una straordinaria ambientazione paesaggistica.

Note :

Toyotomi Hideyoshi (Nagoya, 2 Febbraio 1536 – Kyoto, 18 settembre 1598).

Nacque in quello che è ora il quartiere Nakamura di Nagoya nella provincia di Owari, sede del clan Oda. Da giovane si unì prima al clan Imagawa come servo del governante locale Matsushita, con il nome di Kinoshita Tōkichirō.

Successivamente si uni al clan Oda come servo, ma si fece notare per le sue capacità soprattutto durante l’assedio di Inabayama (1567). Salì rapidamente di grado diventando uno dei principali generali di Oda Nobunaga assumendo infine il nome Hashiba Hideyoshi, dove “Hashiba” è ottenuto unendo due caratteri, ognuno preso dal nome di due altri uomini di fiducia di Oda, Niwa Nagahide e Shibata Katsuie.

In seguito alla morte improvvisa di Oda Nobunaga e del suo figlio maggiore, Oda Nobutada per mano di Akechi Mitsuhide nel 1582 Hashiba sconfisse Akechi nella Battaglia di Yamazaki insediandosi come successore de facto del governo militare di Oda.

All’incontro di Kiyosu per decidere il successore de jure di Oda, Hashiba isolò il candidato apparente Oda Nobutaka ed il suo sostenitore, il generale capo del clan Oda, Shibata Katsuie, supportando il giovane figlio di Nobutada, Oda Hidenobu. Riuscendo ad ottenere il sostegno di due altri anziani del clan Oda, Niwa Nagahide e Ikeda Itsuoki Hashiba riuscì a rinsaldare la posizione di Hidenobu, così come la sua propria influenza nel clan Oda. La tensione tra Shibata e Hashiba aumentò rapidamente e l’anno successivo nella Battaglia di Shizugatake Hashiba distrusse le forze di Shibata consolidando il proprio potere e assorbendo sotto il suo controllo la maggior parte del clan Oda.

Sakuma Morimasa (1554 – 1583) era figlio di Sakuma Moritsugu, cugino di Sakuma Nobumori , un importante detentore dell’Oda. Morimasa nato in quello che ora è Shōwa-ku , Nagoya (situato nel contemporaneo distretto di Aichi, provincia di Owari ), era un servitore di Shibata Katsuie e uno dei suoi migliori generali. Dopo varie campagne in cui aveva combattuto, gli era stato dato il soprannome di Onigenba che letteralmente significa “Demone Genba”, essendo il suo secondo nome.

Dopo la morte di Oda Nobunaga, Morimasa si era schierato con Shibata Katsuie per rendere Oda Nobutaka (il terzo figlio di Nobunaga) come erede del clan Oda, mentre Hashiba Hideyoshi (in seguito Toyotomi Hideyoshi ) sosteneva Lord Sanboshi. Sanboshi era l’erede di Oda Nobutada ed era ancora un bambino in quel momento. Questa argomentazione portò alla divisione dei detentori del clan Oda nelle due principali fazioni guidate da Shibata Katsuie e Hashiba Hideyoshi.

Gli eserciti delle due fazioni alla fine arrivarono alla guerra.

La battaglia

Nel maggio 1583, un generale veterano di Nobunaga  Shibata Katsuie lanciò diversi attacchi simultanei a Shizugatake, dove si trovavano una serie di forti controllati dai generali di Hideyoshi, tra i quali Nakagawa Kiyohide.

Sakuma Morimasa attaccò su ordine di Shibata, e Nakagawa fu ucciso, ma le difese del castello resistettero. Non appena ne venne a conoscenza Shibata Katsuie ordinò immediatamente a Sakuma di ritirare le sue truppe poiché erano pericolosamente lontane ed isolate dalle forze di Katsuie. Sakuma comunque non eseguì gli ordini e pianificò di lanciare un’altra offensiva.

Si sa che Hideyoshi era lontano almeno quattro giorni di marcia durante l’attacco di Sakuma. Tuttavia non appena Hideyoshi venne a conoscenza dell’attacco si mise in marcia forzata durante la notte e raggiunse Shizugatake in un giorno e mezzo. Avendo saputo che Hideyoshi stava arrivando con i rinforzi, Sakuma ordinò ai suoi uomini di rompere l’assedio e prepararsi alla difesa. Ma era troppo tardi e le forze di Hideyoshi sbaragliarono facilmente le forze assedianti.

Inseguimento e vittoria

Le armate di Hideyoshi spinsero le forze di Sakuma in una disfatta e le cacciarono indietro fino alla fortezza di Shibata Katsuie, il castello di Kitanosho a Fukui nella provincia di Echizen. Conquistarono il castello ma non prima che Shibata lo desse alle fiamme. Shibata subito dopo commise seppuku con la moglie Oichi facendo fuggire le sue figlie.

I sette generali in comando di Hideyoshi dopo la battaglia guadagnarono un’enorme fama, e vennero chiamati shichi-hon yari o “Sette lance” di Shizugatake. Alcuni di questi divennero tra i servitori più stretti di Hideyoshi, tra i quali ricordiamo Katō Kiyomasa.

Dopo questa vittoria Hideyoshi fu elevato al quarto grado e fu chiamato sangi o “consigliere imperiale”.

Dati biografici dell’autore:

Watanabe Nobukazu (1872-1944)

Watanabe Nobukazu  viene considerato il miglior studente di Yōshū Chikanobu (1838-1912) , che ha lavorato in una varietà di generi da immagini di belle donne ( biinga ) a famosi punti di vista della modernizzazione di Tokyo ( kaika-e ), comprese le raffigurazioni di mostre industriali nazionali, raffigurazioni del imperatrice e imperatrice e stampe di guerra sino-giapponese e russo-giapponese (senso-e ).

L’autore è noto soprattutto per le sue stampe di guerra.  Durante la guerra sino-giapponese (1894-1895), Nobukazu fece un considerevole numero di trittici eccezionali e fece la sua reputazione progettando scene di battaglia su terra e mare. Ha prodotto anche litografie.

Nome originale: Shimada Jiro. Altro gag ō (nome d’arte o di studio): Y ō sai Nobukazu.

Il database della Waseda University Library mostra anche il suo nome scritto come Utagawa Nobukazu, che lo colloca nel lignaggio della scuola Utagawa ed è stato anche allievo di Chikanobu.

Fonti: l’enciclopedia Hotei delle stampe giapponesi su blocchi di legno , Amy Reigle Newland, Hotei Publishing Company, 2005, p. 497.